Eventi
Eventi
  • Virginiana Miller foto di Franco Catalucci
    Winstonmcnamara
    Kaki King
  • Passogigante
    Adam Green e Francesco Mandelli
    Jane J’s Clan
  • Amarins Moon
    The Woken Trees
    Pretty & Nice
  • The Underground Youth
    Erin K
    THE KAAMS
  • Ufo Zen Circus
    Spectral Park
    Antonio Di Martino

Nuova stagione al Tender Club: NOVEMBRE

Dal 01/11/2013 al 30/11/2013

La Nuova stagione al Tender Club

Programmazione del Tender a NOVEMBRE:

Venerdì 1 novembre 2013 – ore 21,30

VIRGINIANA MILLER
in concerto + after-show dj-set: Dr. Lorenz Dj
Ingresso concerto 10 euro – a seguire ingresso libero

“Disco dell’anno”, “lezione di musica italiana”, “pop d'autore di altissimo livello”...
Solo alcuni dei commenti che hanno accolto “Venga il regno”, ultima fatica discografica dei Virginiana Miller, band livornese che, dopo il premio migliore canzone originale ai David di Donatello 2013, conferma tutto il suo stato di grazia. Venerdì primo novembre saranno sul palco fiorentino del Tender Club, per uno dei concerti più attesi di questo inizio stagione.
“Venga il regno” si dipana attraverso un registro compositivo che non sfocia mai nel convenzionale, combinando melodie cristalline e testi di spessore che rimandano al talento del vocalist/scrittore/sceneggiatore Simone Lenzi.
“Venga il regno” è un disco che incorona la bellezza come protagonista dell’unico regno auspicabile, e al tempo stesso suona come una dichiarazione di guerra. Che vuole proiettarsi in avanti, andare all’attacco. A unire le undici canzoni/fotografie che ci raccontano come sono stati questi anni, c’è un sentire attivo e forte nei confronti dell’immediato futuro. In questo senso una canzone come “Una bella giornata”, primo singolo tratto dal nuovo album, è centrale per tutto il disco. Perché è lì a ricordarci che nessuna giornata può essere bella se a questa bellezza non ci si arrende e al tempo stesso non si ha il coraggio di aspirare.
In sostanza i Virginiana Miller escono allo scoperto per andare finalmente a prendersi ciò che meritano. Guidano una carica, che è la carica di chi è stanco di stare a guardare o, peggio ancora, di aspettare che qualcuno riconosca loro i propri meriti.
L’ombra di Moro e delle sue lettere. L’elicottero sospeso sopra la cupola di San Pietro, che riporta a casa un Papa come si riportano a casa i soldati che lasciano il fronte. Gli anni ’70 delle lotte operaie e la Fiat sempre meno italiana di Marchionne. Il jet set “bene” e annoiato dallo chic milanese; la grande bellezza di Roma e delle sue vittime sacrificali. Uomini come animali, e animali sempre più umani. Recinti dentro cui sentirsi padroni assoluti. E poi l’amore, l’amore di due, l’amore di una coppia, l’amore di un genitore, l’amore di un figlio. L’amore che salva e quello che condanna.
Tutto questo è “Venga il regno”, un invito a uscire allo scoperto e a vivere qui e ora, in questo regno, senza aspettare nient’altro che non ci sia già, praticando la bellezza e lasciandola trionfare sul resto. Basta dire soltanto una parola. Basta dire sì.
Prodotto da Ale Bavo e registrato al SAM studio di Lari, vicino Pisa, con la complicità al mixer di Ivan A. Rossi, “Venga il regno” è un album di grande ricchezza, musicale e lirica. E poi, i testi più diretti ed efficaci che i Virginiana Miller abbiano mai scritto, complice l’esperienza di Simone Lenzi come co-sceneggiatore del film di Paolo Virzì “Tutti i santi giorni” - tratto dal romanzo d’esordio di Lenzi “La generazione”. Proprio il film di Virzì ha permesso ai Virginiana Miller, con il brano che portava lo stesso titolo, di aggiudicarsi un David di Donatello per la migliore canzone originale.

Sabato 2 novembre 2013 – ore 21,30
WINSTONMCNAMARA
in concerto + after-show dj-set: Fulci + Beke_Bauer Dj
Ingresso gratuito

Un artista multimediale? Un perfomer psichedelico? Un polistrumentista e compositore? Winstonmcnamara (all’anagrafe Francesco Paolo Chielli) e tutto questo e molto altro. Pioniere dell'indie rock italiano, ha militato per due di lustri abbondanti in quella meraviglia di gruppo chiamata Yuppie Flu: chitarre, tastiere e anche un po' di voce. Winstonmcnamara è il nome che ha scelto per l’esordio da solista, inaugurato nel 2009.
Sabato 2 novembre è sul palco del Tender per farci ascoltare l’ultimo album “Stato Solido”, analisi critica dell'Italia dei nostri giorni in cui l'autore si impossessa dei pensieri, delle emozioni, e dei ricordi delle persone per tracciare un quadro iperrealista di disarmante luciditaà. Il disco è stato composto in gran parte dal vivo con l'ausilio di strumenti elettronici esclusivamente a stato solido, (campionatori, synth analogici, drum machines, theremin) miscelati a strumenti tradizionali (chitarra e percussioni), che il nostro suona tutti insieme in modo abbastanza acrobatico.
Winstonmcnamara ha all’attivo anche una graphic novel dal titolo “+1”, performance e sonorizzazioni dal vivo, il format dell'aperitivo situazionista - una sorta di concerto durante il quale cucina a km zero – “Il ferrone talent show”, un talent per famiglie che si tiene ogni due anni nelle campagne marchigiane, la raccolta “Silenzio Assenzio” ispirata alla storia e alla politica italiana ed il concept album di “rock elettronico geolocalizzato” ispirato alla costa marchigiana, dal titolo “Amore e iodio”, dove ogni canzone è seguita dalle coordinate geografiche esatte del luogo a cui è ispirata.

Mercoledì 6 novembre 2013
KAKI KING
Ingresso al concerto: 15 euro
In collaborazione con LNDF
Nell’ambito del Florence Queer Festival

Il pubblico italiano la ama e lei ricambia. Non è un mistero che Kaki King abbia con il nostro Paese un legame privilegiato, con ben 40 date tenute in Italia tra il 2009 e il 2012. Un rapporto che si consolida con il nuovo tour che la porta mercoledì 6 novembre sul palco del Tender Club di Firenze (ore 22 – biglietto 15 euro), dove l’artista di Atlanta con base a Brooklyn si esibirà in un unplugged solo.
In primo piano i brani del nuovo album “Glow”, una raccolta evocativa ed esuberante di paesaggi sonori, brillante, ricco di inventiva e straordinariamente ispirato. Registrato con il tecnico del suono D. James Goodwin nel clima bucolico dell’Isokon Studio di  Woodstock (NY), “Glow” si avvale di una produzione meno patinata in favore di un sound fluido nel quale l’estro dell’artista possa esprimersi al pieno delle sue potenzialità.
Dagli echi di musica da camera di “Great Round Burn” alle suggestioni celtiche di “King Pizel”,  l’album abbraccia una combinazione di stili diversi per sfoggiare l’eclettico talento compositivo di Kaki. Le accordature non convenzionali, gli arrangiamenti orchestrali ad opera del quartetto d’archi newyorkese ETHEL, e le tecniche percussive insolite sono tutti al servizio della protagonista assoluta del disco, la chitarra riverberata.
L’album, interamente strumentale, segna una sorta di nuovo inizio nel percorso artistico della musicista attraverso un ritorno alle origini, a partire dalla riscoperta del rapporto simbiotico con la sei corde.
Artista visionaria e iconoclasta, in dieci anni di carriera Kaki King ha ridefinito il ruolo del musicista solista, esplorando le differenti possibilità del suo strumento e cercando soluzioni sempre nuove, al di fuori dei canoni predefiniti. Dagli esordi nel 2002 con “Everybody Loves You” – a oggi il suo unico disco completamente in acustico – , King ha sempre sovvertito le aspettative realizzando una serie di album ciascuno dei quali costituisce un genere a sé.
Un talento che le è valso riconoscimenti da più parti, dalle collaborazioni con artisti del calibro di Timbaland e Foo Fighters, alla partecipazione a colonne sonore di film e serie tv - come nel pluri-premiato "Into The Wild" di Sean Penn, per il quale ha ottenuto una nomination ai Golden Globe - fino ai numerosi tour mondiali di fronte a un pubblico sempre crescente.

Giovedì 7 novembre
PASSOGIGANTE

Ingresso al concerto 5 euro
Aftershow dj-set: Dr Lorenz dj - ingresso gratuito

S’intitola “L'Assalto" ed è “una bomba elettro funky, carica di ironia pronta a scoppiarvi in faccia”. Parole dei Passogigante, un caposaldo della musica made in Florence che sceglie il palco del Tender per presentare il nuovo album, in uscita in questi giorni per Pippola Music (l’etichetta che ha lanciato Brunori Sas, nevvero).
Anticipato dal singolo “Ivo il ditruttivo”, il disco è stato registrato al Sonicstudio e in rete già circola lo spassoso teaser che i Passogigante hanno confezionato con la solita, buona, dose d’ironia. Il loro sound? Un concentrato di elettronica, rock e funky. E poi, temi concreti e reali affrontati con un sarcasmo che non lascia spazio a tante interpretazioni.
I Passogigante nascono da un decennale progetto in continuo mutamento: l’obiettivo è individuare quell’ingrediente sonoro che permetta di definire un proprio stile inconfondibile e agganciarlo alla forma canzone italiana. Ne risulta un progetto d’impatto musicale immediato, che lascia poi spazio all’esplorazione delle molteplici immagini contenute nei testi. Arma principale: un’ironia graffiante, capace di trattare con leggerezza anche la più pesante delle tematiche. 
“L'Assalto" è il quinto album dato alle stampe dal 2008 ad oggi, anni in cui il loro nome ha risuonato in tutto il territorio, grazie anche ad un live adrenalinico che lascia poco spazio al respiro. Nel febbraio 2009 si aprono le danze: il videoclip del singolo “Giovani Giusti” viene selezionato tra migliaia di band italiane rimanendo sulla sezione Sanremo Web del sito R.A.I. per 5 settimane. 
E poi, una valanga di concerti e uno zoccolo duro di fan che li segue ormai ovunque.

Venerdì 8 novembre
ADAM GREEN & FRANCESCO MANDELLI (USA)

Ingresso al concerto 12 euro
Aftershow dj-set: Fritz Orlowski + Ale (Hacienda) dj - ingresso gratuito

Un cantautore americano appassionato di cinema ed un attore/presentatore italiano col pallino della musica. Prima o poi dovevano incontrarsi, Adam Green e Francesco Mandelli. E infatti eccoli, al Tender, con uno spettacolo musicale-teatrale intimo, ironico e carico di energia. Ebbene sì, stiamo parlando proprio di quel Francesco Mandelli, alias “Il nichilista”, “Ruggero De Ceglie”, “Il precario” e tutti gli altri, esilaranti, personaggi partoriti insieme a Fabrizio Biggio nella fortunata serie de “I soliti idioti” (Indie-oti?) su Mtv e al cinema.
Quel che non tutti sanno è che Mandelli è anche un ottimo cantante e chitarrista. Con la sua band, gli Orange” – i White Stripes allo zafferano? -  ha pubblicato due dischi e suonato in Italia e all’estero, mentre da qualche tempo affianca gli Hot Gossip.
Da New York arriva invece Adam Green, capostipite della nuova generazione anti-folk americana. Qualcosa che va da Leonard Cohen a Richerd Hawley. Solo che il tutto sembra essere passato per le mani di Jack Black (l’attore di School Of Rock e Alta Fedeltà, suo accanito fan). Adam Green ha il gusto orchestrale di Randy Newman, le scelte melodiche di Johnatan Richman dei Modern Lovers e quell’approccio un po’ intellettuale di Joe Pernice.
La svolta nel 2007, quando insieme a Kimya Dawson - Moldy Peaches – raggiunge un successo globale grazie alla colonna sonora del film “Juno” vincitore del premio Oscar come miglior sceneggiatura.
In Europa è diventato un habitué delle classifiche grazie a successi come “Jessica”, “Emily” e “Morning after midnight”. Recentemente la sua creatività è esplosa proprio in un film, “The Wrong Ferarri”, dove Adam scrive, dirige, recita e produce allo stesso tempo, una commedia completamente filmata con un iPhone, insieme a Macaulay Culkin, Alia Shawkat, Devendra Banhart, Francesco Mandelli e Sky Ferreira oltre a mostre personali di dipinti a New York, Stoccolma, Roma e Basilea.
Tra le uscite recenti l’album a quattro mani “Adam Green & Binky Shapiro” mentre è in preparazione un progetto cinematografico su Aladino, di cui curerà anche la colonna sonora.
Della sua eclettica carriera Green dice: La gente cerca sempre una teoria unificante, io stavo cercando una teoria unificante dell’espressione artistica. Sto cercando di creare una sorta di fluidità tra la mia musica, arte e scrittura. Se ascolti le mie canzoni ti accorgi di quanto siano cartoonesche, cerco di scrivere le mie canzoni come i miei quadri. Mentre fare un film è più complesso che scrivere una canzone.

Sabato 9 novembre
HANG-ON NIGHT feat. JANE J'S CLAN
Aftershow dj-set: HENRI (Milano), TOMMY (La Spezia), FULCI (Firenze)
Ingresso gratuito

Il soul accende la notte fiorentina!
Ed è di nuovo festa al Tender Club, dove sabato 9 novembre tornano protagoniste le atmosfere 60/70 della Hang-On Night, il sound northern soul che sulla scia del movimento mod, tra i 60/70 infiammò il Regno Unito. E da lì, il mondo intero. Per sempre.
Quindi? Quindi tirate fuori i vostri baggies, con cintura bianca s’intende, cravattino nero se del caso e quintali di patches per riconoscersi al volo. La Lambretta, quella, per favore lasciatela, fuori dal Tender.
E poi? Danze acrobatiche e adrenalina a go-go. Basta lasciarsi andare ai rare grooves e ai classici R&B, soul, funk del Jane J’s Clan, un amore di band nata da una costola di Geno De Angelis (ex Investigators, B.E.S.T.). Che ha chiamato a raccolta altri adepti della setta Rhythm‘n’Blues italiana come Gabriele Bernardi (Hammond), Stefano Di Niglio (batteria) e l’esuberante Jane Jeresa alla voce.
Dopo il live, ci si scatena col dj-set. Dallo staff di Milano Mods arriva Dj Henry: giornalista, autore, conduttore radiofonico. Chiudono il cerchio altri due profeti del genere, Dj Tommy da La Spezia e Sir Fulci dj, che al Tender è di casa. Sui piatti girano solo 45 giri originali, mentre in pista si ballano ritmi northern soul, crossover, modern soul, boogaloo, jazz, r’n’b, funk...

Giovedì 14 novembre
AMARINS MOON (NL)
Supporter THE WOKEN TREES

Ingresso al concerto 5 euro
Aftershow dj-set: Fritz Orlowski dj - ingresso gratuito

Galeotto fu il Sud-America per Amarins Romkema, cantautrice e attrice olandese, già alla corte dell’amatissima Lucky Fonz III. Tornata in quel di Amsterdam, Amarins ha messo mano alla sua band. Non una spolverata, ma una vera rivoluzione.
Nuovo nome, nuovo sound, nuovi brani e nuovo tour. Quindi? Quindi eccola al Tender con la creatura Amarins Moon in collo. Le atmosfere scanzonate delle “Gatte Nere”- precedente moniker – hanno lasciato il posto ad un suono più teso, ritmiche dilatate e spezie gypsy.
E poi, ballate folk in salsa agrodolce, perle pop e altre ciliegine. Un sound subito etichettato come il passo verso la “maturità artistica”. Ma se chiedete alla diretta interessata vi parlerà di “Bestie a caccia di silenzio, case vuote dove è passata la vita, balene che cantano l’amore... Guardando le immagini che non ci sono ancora, invitando orsi a passare il letargo in casa per resistere il freddo”.
Al freddo resistono benissimo i Woken Trees, post-punk band che arriva da Tversted, Danimarca. Anche loro sono della serata, per deliziarci con una combinazione di noise e dark che vanta già importanti avvistamenti come quello al Liverpool International Festival of Psychedelia. Dopo il concerto il mestolo passa a Fritz Orlowski dj. E’ sempre un bel sentire.

Venerdì 15 novembre
PRETTY & NICE (USA)

Ingresso al concerto 5 euro
Aftershow dj-set: Fulci dj - ingresso gratuito

Non sparate sul pop-rock! Almeno non quello dei bostoniani Pretty & Nice, genuinamente gioioso e sperimentale, nato sotto verande soleggiate della periferia urbana. Perfetto per portare una ventata di energia al venerdì Tender di questa settimana.
Tre album, belle recensioni, centinaia di concerti su e giù per gli States – anche con gli amici Built to Spill, Miniature Tigers, The Thermals e Jukebox the Ghost - e pure un paio di tour nel vecchio continente, dove mancano da quattro anni.
Evidentemente avevano parecchio da fare, i quattro del Massachusetts.
Tipo il nuovo album “Golden Rules for Golden People”, uscito la scorsa primavera. Che è un po’ come dire i New Pornographers a chiacchiera con i Field Music mentre la radio passa gli XTC dei bei tempi. Approccio indie ma anche riff angolari in perfetto stile ’80. Atmosfere sfocate e cori surf, power pop e chitarre acustiche... E potremmo andare avanti per settimane. Venite a vederli. Che facciamo prima.

Sabato 16 novembre
UNDERGROUND YOUTH (UK)
+ NICK POWER (THE CORAL)

Ingresso 5 euro
Aftershow dj-set: MACCA & DELI - ingresso gratuito

Manchester-Liverpool andata e ritorno.
E’ un sabato dannatamente brit quello che va in scena al Tender. Concerto e dj-set, The Underground Youth e Nick Power dei Coral. Si tira tardi, avvisati.
Procediamo con ordine. Gli Underground Youth sono stati svezzati con pappine marca Velvet Underground, Bob Dylan e The Jesus and Mary Chains. Niente di strano che quando hanno deciso di imbracciare gli strumenti sia venuto fuori un post-punk imbevuto di shoegaze, un rock garage dichiaratamente psichedelico che viaggia nel tempo e negli stili. Risultato? Boom! Sei album in cinque anni, un milione di click su Youtube, lunghe interviste, belle foto e centinaia di concerti. Il tour italiano che porta in Italia Craig Dyer e comagnia segue l’uscita dell’album “The Perfect Enemy for God”, altro colpo ben assestato, grazie anche al singolo “Rodion”.
Dal palco alla consolle, da Manchester a Liverpool, eccoci a Nick Power, cantante, chitarrista e tastierista di una delle band più influenti dell’indie-sound del terzo millennio, i grandiosi The Coral. Stavolta Nick lascia a casa gli strumenti e si porta dietro un bel campionario di vinili. Per un dj-set che  attraversa la musica più ricercata dai ’60 ai giorni nostri, dalla psichedelia al beat, dal punk 70 al puro rock’n’roll, con una spruzzata di ritmi hip hop e ska giamaicano.
E la brit invasion continua con Macca & Deli.

Giovedì 21 novembre
ERIN K (UK)
Ingresso al concerto 5 euro
Aftershow dj-set: Neibors Dj – ingresso gratuito

La nuova sirenetta dell’anti-folk londinese. Sensuale e furba, gioca con la sua immagine e con canzoni che parlano di “sex dolls, hybrid animals, relationships and food”. In grande ascesa tra i sudditi di Sua Maestà, Erin K ha le carte in regola per conquistare anche il pubblico fiorentino. Giovedì 21 novembre l’aspetta il palco del Tender, nell’ambito di un tour da Guinness dei primati: 31 date in 31 giorni. Per la musica questo ed altro.
Nella terra di Albione è qualcosa di più di una “rivelazione”: parole al miele sul Guardian (Band of the Day #1,111), NME,  BBC... e uno zoccolo duro di fan che la segue ovunque. E dire che la signorina, al secolo Erin Kleh, compone solo da una manciata di anni.
Stile spensierato e piacevole, impreziosito dal ritmo del cajon di Paul Durbin e dalla giovanissima vocalist Daniel Salivan, che l’accompagnano in questa avventura acustica on the road. Tra le perle, tutte auto-prodotte, “I have a knack”, “Coins” “Your face”, “Still in love”,”Sorry I’m not”, “Jiggy Miggy”...
Approccio punk declinato in versione folk, un repertorio che, come ammette la stessa artista, germoglia soprattutto nelle ore notturne. Tra le sue muse Regina Spektor e Jeffrey Lewis, a sottolineare i suoi trascorsi americani. Chiude il cerchio Dj Neibors; dal beat al garage, dal funk al rock’n’roll. E sia!

Venerdì 22 novembre
ROCK CONTEST SEMIFINALE
Aftershow dj-set: Beke_Bauer & Frog Dj
Ingresso gratuito

Entra nel vivo la 25° edizione del Rock Contest, il concorso organizzato da Controradio con il sostegno di Comune di Firenze e Regione Toscana. Conclusa la fase eliminatoria, i 12 gruppi superstiti si sfidano nelle combattutissime semifinali che si svolgeranno il 22 ed il 29 novembre in quel del Tender Club di Firenze. Il primo round vedrà sul palco A New Step Back, Miriam In Siberia, Luca Guidi, Visioni di Cody, Ariel Gun, Down The Rabbit Hole. Solo tre di loro accederanno alla finale. Come al solito, giurie tecniche e popolari e ingresso gratuito.

Sabato 23 novembre
THE KAAMS
Aftershow dj-set: Fritz Orlowski + Ufo (The Zen Circus)
Ingresso gratuito

Evento doppio forgiato sui carboni r’n’b, garage, punk dei The Kaams e cesellato da Massimiliano “Ufo” Schiavelli degli Zen Circus, stavolta in versione dj. Piano, piano, non spingete.... L’ingresso è gratuito e c’è posto per tutti.
I Kaams vengono da Bergamo per spettinarvi. Con un concentrato sixties-oriented che vi ritrovate in pista a ballare e manco sapete perché. Navigano con le stelle, seguendo gli astri di Pretty Things, Sonics e Stones, ma anche Hives e Strokes. Vanno molto forte all’estero, e per l’ultimo album “Uwaga!” hanno affidato il mastering nientemeno che a Carl Saff. Nuovi orizzonti si stagliano però all’orizzonte. I brani del prossimo, imminente, album sono quasi ok. E magari, qualche assaggio...
Di Ufo sappiamo quasi tutto: è il bassista degli Zen Circus. Ma non pensate al “solito” musicista rock prestato alla consolle. Ufo coltiva la professione di dj – lui dice semiclandestina – da quindici anni abbondanti. Ammassa vinile in vari formati ma predilige i 45 giri. Escludendo il neomelodico e la musica andina, passa praticamente di tutto. Il suo invito è “vieni lì e tu’ balli, semplice”. A scaldare la pista ci pensa Fritz Orlowski dj. Sipario!

Giovedì 28 novembre
SPECTRAL PARK (UK)
Ingresso al concerto 5 euro
Aftershow dj-set: Disorder dj – ingresso gratuito

Questa musica non è spazzatura! Questa musica VIENE dalla spazzatura...
Quando Luke Donovan ha visto quel borsone di vecchi vinili spuntare da rifiuti non ha resistito. Se l’è portato a casa ed ha scoperto un tesoro. Roba tosta dei 60/70/80, che il nostro ha ascoltato e campionato. Per poi aggiungerci del suo, chiaro. Parole e strumenti, ad essere precisi.
Così è nato l’album/progetto Spectral Park, da Southampton con furore per il giovedì Tender di questa settimana (5 euri e non ve ne pentirete).
Sound schizoide tra psycho-pop, lo-fi e reminiscenze varie, con la voce di Luke che galleggia, emerge, sprofonda e riemerge ancora. Brechtianamente straniante e al contempo ironico, geniale. Ariel Pink che sposa Barbarella e insieme comprano un cd a caso all’Autogrill, una radio rimasta accesa dentro l’armadio... Cose così.
Tra le perle di questo lisergico riciclo, tracce come “L'Appel Du Vide”, “Ornaments”, “Colours”, “The Thief's Journal”, “Generation Loss”.

Venerdì 29 novembre
ROCK CONTEST SEMIFINALE
Aftershow dj-set: Disorder Dj
Ingresso gratuito

Miriam in Siberia, A New Step Back e Luca Guidi. Sono i primi tre gruppi ammessi alla finale Rock Contest 2013. Per sapere i nomi delle altre tre band che il 7 dicembre andranno a giocarsi il primo posto (ed i premi) del concorsone Controradio non resta che andare all’ultima semifinale, venerdì 29 novembre al Tender, dalle ore 22.
La sfida è tra Carolina da Siena, Coconuts Killer Band, Human Colonies, The Whip Hand, Miaosatelliti, La Monarchia. A stilare la classifica, come di consueto, è sia il pubblico – attraverso una scheda distribuita all’ingresso - sia una giuria di addetti ai lavori.
L’ingresso è gratuito e il livello, ancora un volta, è ottimo. Con il sostegno di Comune di Firenze e Regione Toscana.

Sabato 30 novembre
DIMARTINO (ITA)

Ingresso al concerto 10 euro
Aftershow dj-set: Fritz Orlowski + Fukci dj - ingresso gratuito

Brani evocativi e potenti che mordono il cuore. Antonio Di Martino continua il suo percorso da mosca bianca della canzone italiana. “Non vengo più mamma”, il nuovo Ep pubblicato da Picicca Dischi, affronta un tema quanto mai delicato, la “dolce morte”.
Con una grazia immaginifica che va oltre la forma canzone, verso orizzonti di sperimentazione e nuovi linguaggi sonori. Per il cantautore siciliano le porte del Tender sono sempre aperte, e infatti eccolo, a capo del progetto Dimartino, sabato 30 novembre, per una serata dai colori pastello che promette emozioni sincere.
E non è un caso che il circuito KeepOn lo abbia consacrato “Best Live 2013”, per non dire delle parole al miele spese dalla stampa, e non solo quella specializzata. Un concerto tutto in versione elettrica, con un abito nuovo di zecca, prima di prendersi una meritata pausa che lo terrà lontano dalle scene per qualche mese.


Orari: gio/ven/sab dalle ore 21,30 – inizio concerti ore 22,30 – afterhsow ore 24,00

tag

zone

organizzato da

Tender Club

Via Alamanni, 4
50123 Firenze

www.tenderclub.it

location

    Galleria Fotografica

    • Virginiana Miller foto di Franco Catalucci
    • Winstonmcnamara
    • Kaki King
    • Passogigante
    • Adam Green e Francesco Mandelli
    • Jane J’s Clan
    • Amarins Moon
    • The Woken Trees
    • Pretty & Nice
    • The Underground Youth
    • Erin K
    • THE KAAMS
    • Ufo Zen Circus
    • Spectral Park
    • Antonio Di Martino

    Torna all'elenco

    Eventi

    Copyright© by Itinerari in Toscana | P.iva 01776560979 | Web www.itinerarintoscana.it | Email staff@itinerarintoscana.it