Itinerari Culturali
Itinerari Culturali

Valle del Serchio - Barga, Ghivizzano, Pescaglia, Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca

La Valle del Serchio è un distretto della provincia di Lucca compreso tra la città di Lucca a sud e la Garfagnana a nord, un angolo misterioso e affascinante della Toscana, racchiuso tra le Alpi Apuane e l'Appennino.
Prende il proprio nome dal fiume Serchio che l'attraversa per tutta la sua lunghezza e con i suoi mille torrenti crea profonde gole e fenomeni carsici.
E' popolata da piccoli borghi pieni di storia, leggende, sapori, usi e costumi, che sono riusciti a rimanere lontani dal turismo di massa e sono diventati meta di amanti del buon vivere e del "gusto".

Itinerario no. 1 - Barga, Ghivizzano, Pescaglia, Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca
La Valle del Serchio è stata ed è culla di cultura, di arte e di storia.

Nel cuore della Valle troviamo il comune di Barga. Questo borgo fu terra d'adozione del poeta Giovanni Pascoli. E' proprio qui che il poeta trovò l'ispirazione per molte sue opere.
Da visitare la casa-museo di Giovanni Pascoli, il Duomo di San Cristoforo, le Porte del Castello e il Barga Jazz Club).

Continuando troviamo il borgo Ghivizzano, che è riuscito a mantenere quasi integra la propria struttura medievale. Qui visitiamo il Castello con la Torre, la Casermetta di Castruccio e l'antica Chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo).

Procediamo per Pescaglia, dove possiamo visitare il Teatrino di Vetriano. Questo teatro, costruito nel 1890, misura solamente 71 mq. E' il più piccolo teatro storico pubblico del mondo (nel 1997 è stato incluso nel “Guinness dei primati”) (aperto al pubblico la prima e la terza domenica del mese; in tutti gli altri giorni dell'anno solo visita guidata su prenotazione).

Visitiamo dunque Borgo a Mozzano, famoso per il Ponte del Diavolo (il cui vero nome è "Ponte della Maddalena").
Il Ponte del Diavolo, con la sua caratteristica forma appuntita e le tre arcate asimmetriche che attraversano il fiume Serchio, fu fatto costruire nel XIV secolo da Matilde di Canossa.

Un altro luogo da visitare è Bagni di Lucca, con la sua sorgente termale già conosciuta dai romani.
La cittadina fu molto frequentata nel Rinascimento ed ebbe un grande sviluppo nell’Ottocento diventando meta di ospiti illustri italiani come Giacomo Puccin, Giovanni Pascoli, Eugenio Montale, Giosuè Carducci, e stranieri Alexandre Dumas, George Goron Byron, Percy Bysshe Shelley.

tag

location

    Torna all'elenco

    Copyright© by Itinerari in Toscana | P.iva 01776560979 | Web www.itinerarintoscana.it | Email staff@itinerarintoscana.it