Cinema
Cinema

Roberto Benigni

Roberto Remigio Benigni
Nasce a Castiglion Fiorentino il 27 ottobre 1952.

Roberto Benigni è un attore, comico, showman, regista, sceneggiatore e cantante italiano.

Nato da due contadini all'età di 6 anni si trasferisce a Prato, a Vergaio, dove la sua famiglia tutt'ora vive.
Il padre di Roberto Benigni, Luigi era un contadino e muratore.
Nato nel 1918, fu imprigionato nel campo di concentramento di Bergen-Belsen dal '43 al '45, e sposò colei che sarebbe diventata la mamma di Roberto, Isolina.

Nel 1997 raggiunge la consacrazione internazionale con l'acclamatissimo film La vita è bella, che racconta la tragedia dell'olocausto., e che gli farà conquistare (nel 1999) un premio Oscar come miglior attore.
È stato l'unico interprete maschile italiano - e il primo non anglofono in assoluto - a ricevere l'Oscar come miglior attore protagonista, recitando nel ruolo da protagonista in un film in lingua straniera, dopo quello vinto da Sophia Loren nel 1962.

Monologhista teatrale, famoso per la comicità ironica e dissacrante, è diventato personaggio pubblico tra i più popolari e apprezzati in Italia e nel mondo.
Le sue apparizioni televisive, nelle quali riesce in pochi istanti a sovvertire il clima del programma di cui è ospiete, dimostrano il suo carattere gioioso e irruente

Benigni si è impegnato come lettore, interprete a memoria e commentatore della Divina Commedia di Dante Alighieri e della Costituzione Italiana, ricevendo consensi di pubblico e critica.

Da ricordare la collaborazione di successo con il regista e comico Massimo Troisi (con il quale firma il capolavoro "Non ci resta che piangere" nel quale il dialetto pratese si fonde con quello napoletano in un insieme di sonorità, gag e tormentoni entrati nel linguaggio comune e divenuti immortali.

Tra i film ricordiamo i più famosi:
Berlinguer ti voglio bene
Il Pap'occhio
"FF.SS." - Cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?
Tu mi turbi
Non ci resta che piangere
Coffee and Cigarettes
Daunbailò
Il piccolo diavolo
La voce della luna
Johnny Stecchino
Il figlio della pantera rosa
Il mostro
La vita è bella
Asterix e Obelix contro Cesare
Pinocchio
La tigre e la neve
To Rome with Love


Nel teatro lo ricordiamo con:
Le metamorfosi di Ovidio
La festa
Tuttobenigni '80-81
Tuttobenigni '83
Tuttobenigni '89
Tuttobenigni 95/96
Tutto Dante piazza Santa Croce Firenze
Tutto Dante tour italiano
Tutto Dante tour mondiale 

Nella musica lo ricordiamo per le canzoni:
La puttana
Il deputato
La marcia degli incazzati
L'inno del corpo sciolt
Mi piace la moglie di Paolo Conte
Quando penso a Berlusconi
È tutto mio
Quanto t'ho amato
Le proprietà di Berlusconi
La vita è bella


Curiosità
Le "aggressioni" di Roberto Benigni in occasione di eventi di particolare importanza sono diverse e famose.
Sono rimaste nella memoria comune le seguenti:
- Raffaella Carrà
- Pippo Baudo
- Milly Carlucci
- Martin Scorsese
- Enrico Berlinguer
- Walter Veltroni

Durante il Festival di Sanremo del 1980, di cui era presentatore, Roberto scandalizza il pubblico baciando per 45 secondi la valletta co-conduttrice Olimpia Carlisi sulla bocca.
Sempre nel corso della stessa edizione di Sanremo, Roberto parla a ruota libera di politici, ma rimane nella storia il suo epiteto "Wojtyłaccio" rivolto all'allora Papa Giovanni Paolo II.
Altri personaggi della politica italiana da lui sbeffeggiati in televisione sono stati Silvio Berlusconi - che Roberto chiamò "brutto maiale" - Giulio Andreotti e i socialisti.


 

tag

location

    Torna all'elenco

    Leggi anche
    Rubriche

    Copyright© by Itinerari in Toscana | P.iva 01776560979 | Web www.itinerarintoscana.it | Email staff@itinerarintoscana.it